i principali funghi del territorio del comune di Montella


La maggior parte dei “cercatori di funghi” si dedica alla raccolta di questi particolari prodotti del sottobosco con l’unico intento di ritrovare le specie considerate ottime dal punto di vista culinario.
Tuttavia, anche al solo fine di soddisfare tale piacere, è indispensabile saper riconoscere i
funghi velenosi da quelli commestibili.
Purtroppo, in Europa, si registrano annualmente circa 10.000 casi documentati di avvelenamenti da funghi provocati non solo – ed in minor misura – dall’assunzione di specie velenose ma anche e soprattutto dal consumo di esemplari “buoni” ma in cattivo stato di conservazione, cioè alterati.

Le cause che determinano la maggior parte dei casi di intossicazione vanno ricercate nell’ignoranza e nell’incauto comportamento dei raccoglitori.
Purtroppo questa considerazione, che era già stata fatta nell’800, come riportato in alcune pubblicazioni d’epoca – “e ogni anno non sentiam dire, o non leggiamo nei giornali di famiglie intiere, che hanno pagato con la vita la imprudenza e l’ingordigia di cibarsi coi funghi?” – rimane di indiscussa attualità. Pertanto la prevenzione e l’educazione micologica rappresentano il principio fondamentale su cui basare una efficace azione a tutela dei raccoglitori e di tutta la comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *